You are here: Home Progetti Sportello stranieri Ripartire si può | Sportello stranieri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere l'informativa estesa.

    Privacy policy

Ripartire si può | Sportello stranieri

    sportello21992707 484639705232648 4620212048440217362 o19942587 452392275124058 1733886269626476807 o8xmille valdesi

Progetto sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese

Progetto RIPARTIRE SI PUÒ

 Relazione valutazione finale del progetto Sportello stranieri in Italia | 26 febbraio 2018

Il progetto "Ripartire si può" (di seguito citato come Sportello Stranieri) è stato avviato il 30 Novembre 2016 in parternariato con le Haut Conseil des Maliens d'Italie con l'obiettivo di fornire gratuitamente supporto ed una prima assistenza ai profughi e migranti presenti sul territorio, in particolar modo i migranti provenienti dal Mali.

Tutti i servizi dal progetto, di seguito elencati, sono stati erogati presso la sede operativa di Abareka Nandree onlus in via venini 34 a Milano.

  1. Accesso ai servizi presenti sul territorio
  2. Assistenza amministrativa
  3. Consulenza legale rivolta in particolare ai richiedenti asilo
  4. Corsi di alfabetizzazione in lingua italiana.

Con un totale di circa 400 ore erogate da Dicembre 2016 sino ad Gennaio 2018, lo staff dei volontari ha gestito in media 5 utenti a settimana (per un totale di circa 310) così distribuiti: 

  • 20% ACCESSO AI SERVIZI PRESENTI SUL TERRITORIO
  • 40% ASSISTENZA AMMINISTRATIVA
  • 40% CONSULENZA LEGALE RIVOLTA IN PARTICOLARE AI RICHIEDENTI ASILO

Per quanto riguarda specificatamente la parte Mali, lo sportello stranieri ha seguito insieme a Haut Conseil des Maliens d'Italie il recupero di documenti di 50 cittadini maliani in Italia presso l'Ambasciata del Mali a Roma (estratti di nascita, di matrimonio, passaporti) per i quali si è resa necessaria la presenza di un mediatore culturale. L'Haut Conseil des Maliens d'Italie ha inoltre curato insieme ad Abareka Nandree le procedure di ricorso di alcuni cittadini maliani a cui era stato notificato il diniego tra il 2016 ed il 2017.

Relativamente al servizio di consulenza ed assistenza legale in generale, gli utenti si sono rivolti allo sportello per avere informazioni per sé stessi o per familiari all'estero o per avere indicazioni circa la commissione territoriale, chiedendo talvolta di effettuare una simulazione del colloquio.

Si citano di seguito la statistica dei casi che esulano dalla mera consulenza:

  • N° 25 ricorsi depositati per rigetto della protezione internazionale
  • N° 6 istanze di ricongiungimento familiare
  • N° 5 conversioni di permesso di soggiorno (da studio a lavoro subordinato).

Ad oggi rimangono in corso:

  • davanti al Tribunale i 2 giudizi in materia di protezione internazionale proposti dalla coppia nigeriana, per i quali il Giudice ha chiesto il test del DNA;
  • davanti alla Corte d'Appello il ricorso proposto avverso la decisione del Tribunale che ha respinto il ricorso proposto da un altro ragazzo nigeriano.

Per quanto riguarda i corsi di italiano, con circa 350 ore di esercitazioni di italiano somministrate dai nostri volontari nel corso del 2017 nel Municipio 2, una delle zone più densamente popolate di stranieri a Milano, Abareka Nandree ha sostenuto gli stranieri nel percorso di certificazione A2 di italiano, oppure nella iscrizione ai CPIA, i centri di educazione per adulti del comune di Milano, per conseguire il diploma di terza media. Alcuni di loro hanno raggiunto l'obiettivo, ora lavorano in modo stabile e continuativo, e incoraggiano altri ad intraprendere lo stesso percorso di formazione.

  • Nel corso del 2017, lo sportello stranieri è stato promotore di alcune iniziative che hanno coinvolto altre organizzazioni del territorio: evento "Orientiamoci verso il lavoro. ABC per scrivere un curriculum e sostenere un colloquio di lavoro", in collaborazione con la Rete Scuole Senza Permesso (sabato 6 maggio 2017).
  • Percorsi d'integrazione a Milano: i volontari hanno organizzato il giorno 4 luglio 2017 una piccola escursione a piedi dalla sede di Abareka Nandree sino a piazza Duomo coinvolgendo 15 richiedenti asilo. Alla giornata hanno partecipato anche alcuni richiedenti asilo ospitati dal centro SPRAR ASSPI

Oltre ai risultati sino ad ora riportati e relativi agli obiettivi specifici del progetto, si evidenzia che lo sportello stranieri è diventato un punto di riferimento per ricevere informazioni e consigli per la ricerca del lavoro, per la stesura o revisione del curriculum vitae e per l'iscrizione a corsi di formazione professionali.

Lo staff dei volontari si è definito nel corso dell'anno per un totale di circa 25 volontari che si sono occupati a turno delle attività sia per la parte sportello sia per i corsi di italiano. Molti di loro sono stati di passaggio, svolgendo l'attività solo per qualche mese, altri invece, sono diventati dei veri punti di riferimento anche per gli utenti con un atteggiamento responsabile e proattivo verso le attività da svolgere.

Considerazioni finali

Il progetto "Ripartire si può", realizzato in partership con Haut Conseil des Maliens d'Italie, ha avuto una diffusione capillare su tutta Milano che ha reso l'attività di sportello un valido strumento non solo per il processo di integrazione degli stranieri ma anche per contrastare razzismo e discriminazione. La collaborazione con le istituzioni locali si è dimostrata infatti fondamentale per la buona riuscita del progetto conferendo allo stesso un carattere più istituzionale.

L'afflusso di utenti allo sportello è sempre stato costante anche grazie alle relazioni instaurate con le altre associazioni del territorio che lavorano con profughi e migranti, per questo motivo si ritiene necessario consolidare e rinnovare la collaborazione

I beneficiari diretti del progetto sono stati in totale circa 500 (includendo la parte Mali) ma indirettamente ne hanno giovato familiari e parenti sia in Italia e sia nel loro paese di origine.

Grazie al progetto "Ripartire si può" sono stati raggiunti i seguenti obiettivi:

  • miglioramento della conoscenza della lingua ed in parte anche della cultura italiana
  • diminuzione del numero di stranieri in stato di irregolarità
  • miglioramento del livello di preparazione per accedere al mondo del lavoro.

Sulla base dei risultati raggiunti sino ad oggi e sulla base di quanto tutt'oggi riscontrato durante lo svolgimento dell'attività, lo sportello stranieri si rivela di fondamentale importanza per i cittadini stranieri presenti a Milano, motivo per cui i servizi continueranno ad essere erogati anche nel 2018 in autonomia.

 

Dona il 5 per 1000!

5xmille-200

Sostegno a Distanza in Mali

sostegno

Sportello stranieri gratis

sportello-1

Iscriviti alla newsletter!




Acconsento al Trattamento ai sensi dell’art. 23 D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali

Seguici su....

     

    facebook-icon-preview twitter-icon-circle-blue-logo-preview   YouTube-icon

Fotogallery

  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow